World Allergen Food, a Padova la prima Mostra-Convegno dedicata alle allergie e intolleranze alimentari

Dal 20 al 22 marzo in Fiera: un importante programma scientifico affiancato da una proposta espositiva

L’appuntamento è da domenica 20 a martedì 22 marzo 2016 in Fiera a Padova: World Allergen Food, la nuova Mostra-Convegno dedicata ai prodotti e servizi per chi si confronta con allergie e intolleranze alimentari, affiancherà alla vetrina espositiva un ricco programma di incontri che alterneranno proposte di riflessione scientifica a momenti divulgativi e di informazione.

«L’evento, il primo in Italia dedicato al mondo delle allergie e intolleranze alimentari a 360 gradi – spiega Daniele Villa, amministratore delegato di PadovaFiere – nasce dalla volontà di offrire un importante spazio di incontro, di riflessione e di scambio commerciale su un tema destinato ad assumere una rilevanza crescente nel dibattito sulla salute pubblica: le ultime ricerche certificano infatti l’aumento esponenziale del numero di pazienti affetti da allergie o alle prese con intolleranze alimentari».

Una proposta che combina in un unico contenitore sia un’offerta B2B, per facilitare l’incontro fra le aziende presenti in Fiera e gli operatori del settore – produttori o importatori di materie prime e servizi allergen free dedicati all’industria di trasformazione, farmacie, parafarmacie, negozi specializzati, mondo HO.RE.CA. (ristorazione, strutture ricettive, catering), ma anche grande distribuzione organizzata – sia una proposta B2C per facilitare l’incontro tra produttori e consumatori.

I DATI: 1,8 MILIONI DI ALLERGICI IN ITALIA

Per comprendere la portata del “fenomeno” allergie e intolleranze alimentari bastano forse un paio di dati: secondo le stime del Ministero della Salute e di Nielsen, nel nostro Paese si contano 1,8 milioni di allergici alimentari (il 3% della popolazione), mentre i pazienti con gluten sensitivity (ovvero le persone che hanno sviluppato una qualche forma di reazione al glutine) sono almeno 3 milioni.

Nel complesso, il problema delle intolleranze alimentari affligge il 6% della popolazione. Nel 2013 i celiaci – secondo l’ultimo rapporto sulla celiachia al Parlamento – erano a quota 164mila, ben 15mila in più rispetto all’anno precedente. Ancora: secondo la FNOMCeO (Federazione Nazionale Ordine dei Medici e Odontoiatri) ben il 20% della popolazione ritiene – non sempre a ragione – di essere affetto da intolleranze o allergie. Una situazione che si riflette sui consumi: il rapporto Coop Consumi e Distribuzione certifica una crescita del 50% degli acquisti di prodotti gluten free fra il giugno 2015 e lo stesso periodo dell’anno precedente.

Se cresce la domanda, cresce anche la qualità dei prodotti: l’ultima indagine condotta dall’Associazione Italiana Celiachia (AIC) e dall’Università di Genova ha infatti evidenziato una sostanziale sovrapponibilità nella qualità nutrizionale dei prodotti per celiaci rispetto agli analoghi convenzionali. Non solo: il fatturato complessivo della spesa degli italiani per le intolleranze alimentari (fra supermercati, farmacie, parafarmacie…) supera i 500 milioni di euro. Mintel, una delle principali società a livello mondiale nel campo delle ricerche di mercato, ha indicato nei cibi sostituitivi di nuova generazione – termine che include anche i prodotti destinati ai vegani – il principale “top trend” dell’anno in corso per quanto riguarda il food.

IL PROGRAMMA SCIENTIFICO

Proprio perché si tratta di un fenomeno che registra una crescita esponenziale, spesso è oggetto di speculazioni, mistificazioni e fraintendimenti a tutti i livelli: intolleranti e allergici alimentari sono chiamati a districarsi in una selva di offerte di ogni tipo. World Allergen Food vuole proporsi come un’occasione per fare chiarezza, con l’aiuto di alcuni esperti riconosciuti di livello internazionale: fra tutti la Prof.ssa Antonella Muraro, Presidente del Comitato Scientifico chiamato a organizzare la parte convegnistica. Responsabile del Centro di Specializzazione Regionale per la Cura e lo Studio delle allergie e intolleranze alimentari presso l’Azienda Ospedaliera di Padova, la Prof.ssa Muraro è anche Presidente dell’European Academy of Allergy and Clinical Immunology (EAACI), che conta circa 9mila medici esperti in allergologia provenienti da 121 Paesi e da 49 società nazionali di allergologia.

Al suo fianco, nel comitato scientifico figurano, fra gli altri, i rappresentanti dell’Università di Padova, dell’Azienda Ospedaliera e ULSS 16 di Padova e delle ULSS 15 di Cittadella e ULSS 17 di Monselice, i Presidenti della Società Italiana di Allergologia ed Immunologia Pediatrica (SIAP), della Associazione Allergologi Ospedalieri e Territoriali (AAITO), della Società Italiana Allergologia, Asma ed Immunologia Clinica (SIAAIC), della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (FNOMCeO), della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale del Veneto (FIMMG), della Federazione Italiana Medici Pediatri FIMP e della Federazione Nazionale Parafarmacie Italiane, oltre che le principali associazioni di pazienti, AIC Veneto e Food Allergy Italia, e i rappresentanti delle istituzioni cittadine, provinciali e regionali. Il programma scientifico si aprirà domenica 20 marzo con un’importante plenaria – seguita da una tavola rotonda – per fare il punto sullo “stato dell’arte” per quanto riguarda la ricerca, la diagnosi e la cura di allergie e intolleranze alimentari nel nostro Paese e per la divulgazione delle linee guida EAACI sulle allergie ed intolleranze alimentari. I convegni scientifici daranno la possibilità di conseguire crediti formativi ECM. Tre i momenti divulgativi, dedicati rispettivamente al tema della gestione dell’allergia alimentare a scuola, alle problematiche relative alla ristorazione, al tema della vinificazione e delle possibilità ridurre i rischi di reazioni allergiche.

LA PROPOSTA ESPOSITIVA

Fra gli stand di World Allergen Food sarà possibile trovare ad esempio il burro e condimenti senza lattosio, ma anche la pasta fresca o la birra, i piatti pronti, i secondi di pesce, le specialità fritte, la pasticceria senza glutine, passando poi per i vini abbinati dalla FISAR Padova (Federazione Italiana Sommelier Albergatori e Ristoratori) ai prodotti presenti in fiera, terminando infine con le più innovative proposte professionali dedicate alle aziende che producono allergen free, come i mix di farine senza glutine e come i testurizzati vegetali che, partendo da matrici quali soia, pisello e frumento, consentono di ottenere sia la carne che il pesce vegetale.

Inoltre, alla vetrina espositiva e ai convegni, si affiancherà un programma di eventi all’insegna del gusto, come ad esempio lo show cooking realizzato da Marcello Ferrarini, chef gluten free, che creerà dal vivo una delle sue ricette con successiva degustazione. Preziosa la collaborazione di APPE Padova (Associazione Provinciale Pubblici Esercizi), che contribuirà a far conoscere la proposta di World Allergen Food al mondo della ristorazione, e sarà partner in attività di promozione del gusto all’insegna dei prodotti allergen free.

World Allergen Food è un evento promosso da PadovaFiere. Il coordinamento del progetto è affidato a Pierangelo Marchetto. La Mostra-Convegno è realizzata con il patrocinio di European Academy of Allergy and Clinical Immunology – EAACI, Provincia di Padova, Comune di Padova, Camera di Commercio di Padova, Federazione Nazionale Parafarmacie Italiane, AIC Veneto (Associazione Italiana Celiachia), Food Allergy Italia, APPE Padova, FISAR Padova e AILI (Associazione Italiana Latto-Intolleranti).